Dialoghi al tramonto del tempo

di Marilde Trinchero

Quale differenza c’è tra il pensare alla morte come a un fatto ineluttabile, che prima o poi capiterà a ciascuno di noi, e saperla in cammino per raggiungerci – più o meno velocemente – dopo una diagnosi che l’ha annunciata? Dalle testimonianze, che sono il cuore pulsante di questo libro, delle persone che, in vario modo, si sono accostate nella loro vita alla morte o che hanno dovuto fare i conti con la propria, emerge il territorio ai confini ultimi dell’esistenza e le sue connessioni con i percorsi di vita compiuti. Si narra qui di cure palliative, di morte naturale, di suicidio, quello tentato e quello assistito. Si ascolta la voce di una madre che ha perso un figlio. Ci si interroga sulla malattia e sulle scelte che essa talvolta comporta. ……

Segnalo l’interessante intervista di Marina Sozzi all’autrice pubblicata sul blog si può dire morte

Magi Edizioni, 2018 – https://www.magiedizioni.com/prodotto/la-vita-e-bella/

La vita è bella
Tag:             

Lascia un commento